English Chinese (Simplified) French German Italian Japanese Spanish

Classifica e Risultati

ULTIMO RISULTATO
S.Angelo-Basiano 0-0

 

CLASSIFICA COMPLETA
(aggiornata ogni lunedì sera)

CALENDARIO
RISULTATI e TABELLINO

Coppa Italia

Primo Turno
girone 31
27/08 S.Angelo-Casteggio 3-1
13/09 Cob91-S.Angelo 2-1


COPPA ITALIA

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Bejenaru e una magia di Zingari raggiungono la Luisiana
Lunedì 20 Marzo 2017 20:18
Hits

BEJENARU E UNA MAGIA DI ZINGARI RAGGIUNGONO LA LUISIANA: PIROTECNICO 2-2 AL CHIESA
Nell’esordio di Maurizio Alghisi sulla panchina rossonera al posto del dimissionario Severgnini (a cui vanno i più sinceri auguri per il proseguimento della carriera), il Sant’Angelo pareggia 2-2 in rimonta contro la Luisiana grazie alle reti di Bejenaru e del solito Zingari, che rispondono alle reti avversarie di Pedretti e Pietra.
Per la sua prima gara sulla panchina dei barasini, mister Alghisi mette i suoi in campo con un classico 4-4-2 che vede Qarri in porta, difesa a 4 con Marchesi-Bottini centrali e Moschetti e Spaneshi terzini; centrocampo formato da Bracchi e Orlandini in cabina di regia e la coppia Conversano-Carabelli laterali; Infine, il peso dell’attacco ricade sul tandem Zingari-Bejenaru.
La partita inizia con lo studiarsi delle due squadre, nessuna delle quali riesce ad imporsi sull’altra. Però, alla prima occasione del match, i cremaschi passano: tiro dalla lunga distanza di Abbà che viene mal respinto da Qarri su cui si avventa Pedretti che appoggia in rete a porta sguarnita. Sant’Angelo colpito a freddo che va subito vicino al pareggio con Zingari, il cui tiro viene incredibilmente fermato appena prima che varcasse la linea di porta. Il Sant’Angelo flirta con il gol ancora con Zingari ma il suo tiro è impreciso. Dopo i vari tentativi, i rossoneri trovano il pareggio con Bejenaru, abile a raddrizzare in porta un tiro maldestro di Bottini. Non passa neanche un minuto che la Luisiana troverebbe il gol del vantaggio con Pietra, ma viene fermato tutto per fuorigioco del gigante nerazzurro. Il numero 9 si rifà pochi minuti più tardi, trafiggendo Qarri dopo essere fuggito da una molle marcatura della difesa di Alghisi. Primo tempo che termina con gli ospiti in vantaggio per 2-1.
Il secondo tempo inizia con un Sant’Angelo più “cattivo” e alla ricerca del gol del pareggio. L’agognato pareggio arriva grazie a Zingari che direttamente da calcio d’angolo, con il suo magico sinistro, disegna una formidabile traiettoria che supera Campagna e finisce in rete. Il pubblico esplode e applaude davanti alla prodezza del classe 92, giunto al suo 14esimo sigillo in questo campionato. Il numero 10 doveva abbandonare il campo da gioco a causa di un brutto colpo all’occhio sinistro per colpa di una pallonata molto ruvida. Stoicamente ha voluto rimanere in campo per battere una punizione e successivamente il calcio d’angolo, che ha regalato il pareggio alla sua squadra. Dopo il gol, #AZ10 esce dal campo ricevendo la standing ovation da tutto il Chiesa. Una sola parola: Campione!
Dopo il gol del pareggio, i barasini sono galvanizzati e cercano il sorpasso che potrebbe arrivare grazie al rigore conquistato da un Bejenaru in versione “Mario Mandzukic” che, dopo aver perso palla, la riconquista e in area viene atterrato da Nufi. Sul dischetto si presenta Paolo Bracchi ma la sua conclusione debole viene ribattuta da Campagna che mantiene il risultato inchiodato sul 2-2. Per i ragazzi di Alghisi è il secondo penalty fallito in altrettante partite. Mira da aggiustare. Nonostante il rigore fallito, il Sant’Angelo continua imperterrito alla ricerca del gol del sorpasso, ma nemmeno la punizione di Orlandini a tempo scaduto, trova il risultato sperato. La partita finisce in pareggio, punteggio pressoché giusto per quanto visto in campo. Per i rossoneri pesa il rigore sbagliato da Bracchi che avrebbe portato i 3 punti in riva al Lambro.
La “cura Alghisi” si sta già vedendo grazie all’ottimo approccio che i rossoneri hanno avuto nella gara, cosa che non si vedeva da tempo. Per ora è ancora troppo presto per trarre giudizi ma l’inizio è di quelli giusti. Chi ben comincia…
Dopo questa giornata, il Sant’Angelo si trova ancora al 4° posto in classifica con 40 punti ma viene raggiunto dal Castelleone (vittorioso per 1-0 sul campo del Codogno). Settimana prossima queste due squadre, in piena lotta playoff, si scontreranno per una partita che avrà un certo peso per il futuro di una dei due club. Staremo a vedere.
Prossimo Appuntamento: Castelleone – Sant’Angelo, 26 marzo 2017, ore 14:30, Centro Sportivo Comunale

INVADIAMO CASTELLEONE!
ADOSS!!

Giovanni Rusconi

 

Sede

Stadio

Centro

Derby

Riepilogo

Articoli

Banner
Banner