English Chinese (Simplified) French German Italian Japanese Spanish

Classifica e Risultati

ULTIMO RISULTATO
S.Angelo-Romanengo 1-1

CLASSIFICA COMPLETA
(aggiornata ogni lunedì sera)

CALENDARIO
RISULTATI e TABELLINO

Coppa Italia

Primo Turno
girone 31
27/08 S.Angelo-Casteggio 3-1
13/09 Cob91-S.Angelo 2-1


COPPA ITALIA

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Sant’Angelo, cosi’ non va
Lunedì 23 Gennaio 2017 20:01
Hits

SANT’ANGELO, COSI’ NON VA : IL MONTANASO PASSA AL “CHIESA” PER 2-1
Ahi Sant’Angelo, questa non ci voleva. Quella che doveva essere la risposta allo scialbo pareggio di domenica scorsa in terra milanese, si trasforma in un vero e proprio incubo perché, contro la previsione di tutti, il fanalino di coda del Girone E gioca un brutto scherzo alla squadra di mister Severgnini, andando a vincere per 2-1 dopo una partita non certo dominata. Vantaggio ospite con Bertin, pareggio di Conversano (alla sua prima rete con la maglia rossonera) e gol vittoria di Galluccio.

Per la 17esima giornata, il Sant’Angelo scende in campo con un 4-3-1-2 che vede Qarri in porta, difesa a 4 con Spaneshi-Bottini-Marchesi e Moschetti, a centrocampo, privo di Bracchi, si posiziano Orlandini A., capitan Carabelli e Conversano, sulla trequarti viaggia Bejenaru che supporta il rientrante Zingari e Toscani.
L’atmosfera è di quella delle grandi occasioni che vede le due squadre ben concentrate sul proprio obiettivo: il Sant’Angelo vuole la vittoria per accorciare in vetta e il Montanaso per abbandonare il fondo della classifica. Il primo squillo è di marca avversaria al 7” con il fischiatissimo ex di turno Tolomeo, che su punizione cerca la via del gol, ma il suo calcio piazzato finisce alto. Non passa neanche un minuto che la squadra neroverde passa inaspettatamente in vantaggio con Bertin, che sfrutta l’indecisione tra Qarri e Bottini e ruba la sfera che dopo appoggia in porta portando i suoi sullo 0-1. Questa botta iniziale smuove i rossoneri (per l’occasione in maglia bianca) che dopo soli 10 minuti trovano il pareggio con Conversano, che trova la deviazione vincente e che scavalca l’incolpevole Calvi. Il Sant’Angelo cerca di chiudere la pratica già nel primo tempo, ma spreca due grosse occasioni prima con Toscani, il cui colpo di testa finisce alto poi con Bejenaru che, raccolta la ribattuta della splendida punizione del numero 10 barasino Zingari finita sul palo, manda fuori la palla da pochi metri. Già 2° errore grave in due giornate per il classe ’94.
Il secondo tempo inizia esattamente com’era finito il primo, cioè, con i rossoneri alla ricerca del gol del sorpasso. Il Sant’Angelo domina in lungo e in largo, ma non riesce a trovare il guizzo vincente. Ci prova ancora Bejenaru ma, per sua sfortuna, il suo tiro a botta sicura viene fermato appena prima che varcasse la linea di porta. Non c’è pace per il nuovo arrivato. Una frase tipica del telecronista Fabio Caressa che rivolge al suo compagno Giuseppe Bergomi recita: “il calcio è strano Beppe!”, questa citazione non fa una piega perché il Montanaso, pericoloso solo con l’ex Tolomeo in pochissime occasioni, trova clamorosamente il vantaggio con Galluccio il cui tiro viene deviato da Carabelli e sorprende Qarri che non riesce a fare nulla per evitare che la palla finisca alla sua sinistra. Dopo aver subito questo gol, il Sant’Angelo si butta tutto in avanti alla ricerca, perlomeno, del pareggio ma sulla sua strada trova un Calvi che devia in angolo, con un poderoso intervento, la solita punizione insidiosa di Zingari che strozza in gola l’urlo dei tifosi barasini. La partita finisce 1-2 in favore degli avversari, che sbancano il “Chiesa” e si rilanciano in quota playout ma invece per il Sant’Angelo è l’ennesima occasione sprecata. I rossoneri potrebbero recriminare due episodi in cui poteva essere fischiata la massima punizione. Però non bisogna attaccarsi a questi singoli fatti ma si dovevano sfruttare le occasioni avute per portare a casa l’intero bottino della sfida.
Dopo questa brutta sconfitta il Sant’Angelo si trova sempre a -5 dalla vetta occupata sempre dall’Offanenghese fermata sull’1-1 dal Basiano Masate, la stessa squadra che fermò i barasini la scorsa giornata. Da considerarsi la mina vagante del girone.
Prima del calcio d’inizio il Sant’angelo ha voluto ricordare, con il capitano Carabelli e il presidente Cremascoli, il 34esimo anniversario della morte dell’indimenticato Enzo Scaini, depositando un mazzo di fiori sotto la targa dedicata al “Gigante Buono”.
Ora bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare,lavorare e ancora lavorare per ridurre il gap dalle avversarie e per rendere felici i tifosi (cantanti per tutti i 95”) e la società che sta lavorando duramente per portare questo club nella posizione che merita.
Prossimo appuntamento: Union Calcio Basso Pavese – Sant’Angelo, ore 14.30, Comunale Cerutti (Villanterio)
ADOSS!!
Giovanni Rusconi

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Gennaio 2017 20:06
 

Sede

Stadio

Centro

Derby

Riepilogo

Articoli

Banner
Banner